Date alla primaria ciò che è della primaria: i divari d’apprendimento nella scuola secondaria di primo grado

di Gianfranco De Simone

Abstract: Una misurazione corretta del grado di iniquità della scuola media unica, ovvero dei divari d’apprendimento su base socio-demografica, dovrebbe tener conto dell’eredità delle primarie. In assenza di dati longitudinali si può adottare, a determinate condizioni, una tecnica di pseudo-panel analysis per seguire l’evoluzione degli apprendimenti degli studenti di una medesima coorte e tenere così conto degli effetti cumulativi dei processi d’istruzione. Se applichiamo tale approccio ai dati dell’indagine internazionale Trends in International Mathematics and Science Study (TIMSS) sulla coorte di studenti al grado 4 (IV elementare) e al grado 8 (III media) rispettivamente nel 2003 e nel 2007, osserviamo che il divario di genere in matematica a sfavore delle studentesse va imputato alla scuola primaria, ma la scuola secondaria di primo grado condivide con essa la responsabilità del divario con segno analogo rilevato in scienze. Nonostante abbiano una maggiore probabilità di svolgere un percorso di studi irregolare che non li agevola, gli studenti di origine straniera mostrano un notevole recupero alle scuole medie colmando gran parte del gap accumulato alla primaria. Di converso, i divari d’apprendimento su base socio-culturale sono una responsabilità quasi esclusiva delle scuole secondarie di primo grado che si rivelano incapaci di onorare una delle missioni fondamentali della scuola media unica.

Gianfranco De Simone, economista, ricercatore presso la Fondazione Giovanni Agnelli e research fellow del Centro Studi Luca d’Agliano. Si è occupato di economia internazionale, brain drain e accumulazione di capitale umano quale motore di sviluppo. Da alcuni anni lavora su temi relativi all’education, in particolare, su equità e valutazione. È tra i curatori dei Rapporti sulla Scuola in Italia e del volume su I nuovi laureati pubblicati dalla Fondazione Agnelli per i tipi di Laterza (Bari).

gianfranco.desimone@fga.it

Lascia un commento

Devi essere collegato per inviare un commento.