Qualche idea per un’agenda politica sulla scuola secondaria superiore

di Mario Fierli

Abstract: Nonostante il recente riordino e, per certi aspetti, proprio a causa di questo, una politica per la Secondaria Superiore non può ridursi a semplice manutenzione. E’  ancora in corso  l’attuazione del riordino della secondaria superiore, ora al terzo anno, e sarà conclusa nel 2015. E’ difficile che nella prossima legislatura venga proposto un ulteriore riordino e dunque è assai probabile che si debba ragionare all’interno del quadro attuale. E’ però opportuno non solo  attivare il monitoraggio e la manutenzione, del resto previsto dalla legge di riordino, ma forse spingersi verso una evoluzione, sia pure dentro i limiti del modello attuale. Si tratta quindi di valutare se l’attuale assetto sia quello che può dare in futuro la risposta migliore o se non sia più opportuno fornire un primo livello di professionalità con una secondaria più breve e accelerare lo sviluppo degli Istituti Tecnici Superiori per un completamento della formazione, ove questo sia necessario.

Mario Fierli, membro del gruppo di lavoro per il riordino degli Istituti Tecnici e Professionali del gruppo di lavoro per lo Sviluppo della cultura scientifica e tecnologica.
mariofierli@virgilio.it

Lascia un commento

Devi essere collegato per inviare un commento.