Troppi laureati in Italia. Una storia infinita

di Roberto Moscati

Abstract: In Italia si discute da tempo sul numero dei laureati in rapporto alle possibilità occupazionali. In questo articolo sostengo che il surplus di laureati sia inevitabile dato il tipo di domanda di competenze professionali presente nel mercato del lavoro; l’effetto della diffusione dell’istruzione superiore sulla stratificazione sociale tende a riprodurre le differenze a livello più alto; la realizzazione della riforma degli ordinamenti didattici non ha rispettato il dettato della norma e non è comunque responsabile della cattiva distribuzione degli studenti nelle diverse aree disciplinari e del loro eccessivo passaggio dal primo al secondo livello di laurea.

Roberto Moscati, insegna Sociologia dei processi culturali all’Università di Milano-Bicocca. Le sue ricerche riguardano l’evoluzione dei sistemi d’istruzione, con particolare riferimento all’istruzione superiore, e le caratteristiche dei principali attori (docenti, studenti, personale tecnico-amministrativo) che vi operano.
roberto.moscati@unimib.it

Lascia un commento

Devi essere collegato per inviare un commento.