Vygotsky e la teoria dell’attività nella ricerca educativa

di Maurizio Lichtner

Abstract: Il saggio prende spunto da una recente affermazione di Jean Lave, che distingue nettamente, all’interno dell’approccio socioculturale, tra i seguaci di Vygotsky e i teorici dell’attività. Ci si è proposti di verificare, attraverso i testi di Vygotsky, Leont’ev, Wertsch, e Lave, la diversità delle posizioni, e di esaminare quanto la tradizione più specificamente vygotskiana da un lato, e la teoria dell’attività e del  sapere situato dall’altro, possono contribuire, in modi diversi, al rinnovamento del modo di insegnare e di apprendere nella scuola. L’approccio wygotskiano fa capire l’importanza delle interazioni cognitive, tra insegnante e alunni o tra pari, come condizione e premessa dell’interiorizzazione e dello sviluppo cognitivo individuale. La teoria dell’attività, nella versione sostenuta da Lave, sottolinea l’importanza delle strutture di partecipazione in quel ‘sistema di attività’ che è la classe scolastica. Le posizioni possono convergere, ma mentre la concezione di Vygotsky dello sviluppo concettuale è in linea con la visione della scuola come luogo del  sapere decontestualizzato, la teoria del sapere situato pone un problema epistemologico, che non può essere ignorato, ma che deve essere in qualche modo superato nella pratica, ad esempio riconoscendo, da entrambe le parti, la necessità dei ‘passaggi’ dall’uso funzionale all’uso formale dei concetti, e viceversa.

Maurizio Lichtner, esperto di processi formativi, valutazione, metodologie della ricerca educativa, si è occupato anche di educazione degli adulti e formazione continua per il Cede (oggi Invalsi) e altri Enti. Ha insegnato Metodologie qualitative nell’educazione degli adulti all’Università di Roma Tre e Pedagogia all’Università Roma Sapienza. Nelle pubblicazioni più recenti ha trattato temi come i metodi qualitativi nella ricerca valutativa, teorie cognitive e valutazione degli apprendimenti, biografica e costruzione del sapere.

maurizio.lichtner@mclink.it

Lascia un commento

Devi essere collegato per inviare un commento.