Integrare filiere formative e filiere produttive per lo sviluppo del paese

di Claudio Gentili

Abstract: L’autore analizza i cambiamenti dello scenario industriale, italiano e globale, e li mette in relazione con il sistema educativo. Dopo aver evidenziato i motivi della scarsa integrazione tra sistemi produttivi e sistemi formativi in Italia, che generano un ritardo competitivo del nostro capitale umano, si individuano i fattori chiave in grado di innescare un processo di sviluppo economico che parta dall’istruzione. Facendo riferimento ai territori, con le loro vocazioni produttive e le loro peculiarità formative, l’autore propone un rilancio del manifatturiero da abbinare ad investimenti in formazione tecnica e professionale. L’analisi ripercorre inoltre il quadro dei finanziamenti europei della formazione e le nuove frontiere della “gara della conoscenza” che si sta sviluppando tra le principali aree economiche del globo. Europa ed Italia hanno davanti nuove sfide che potranno essere affrontate soltanto con una maggiore integrazione tra filiere produttive e filiere formative.

Claudio Gentili, Confindustria, Politiche territoriali, innovazione e education, c.gentili@confindustria.it

Lascia un commento

Devi essere collegato per inviare un commento.