Sistemi di scuola secondaria comprensivi versus selettivi. Una comparazione in termini di equità

a cura di Luciano Benadusi e Orazio Giancola

Quali sono stati in questi ultimi decenni i risultati, sul piano dell’equità ma anche della performance, conseguiti in Europa dai sistemi scolastici comprensivi – fra cui quello italiano – a confronto con i sistemi selettivi o stratificati, fra cui quello tedesco, che oggi spesso il dibattito nazionale prende a modello?

Questa è la domanda a cui si è proposto di dare risposta il nuovo dossier dell’Osservatorio Internazionale dell’Education della rivista Scuola Democratica e della Fondazione Giovanni Agnelli.

La comprensivizzazione della scuola secondaria è un processo di riforma avviatosi in molti sistemi scolastici europei negli anni Sessanta e Settanta, che ha coinvolto paesi fra cui tutti quelli scandinavi, il Regno Unito, Francia, Spagna e Italia. Con le riforme di tipo comprensivo si è introdotto in una parte dell’Europa occidentale un modello scolastico unitario. All’origine delle riforme comprensive vi era soprattutto un obiettivo di equità, nel duplice significato di eguaglianza delle opportunità e di inclusione: abolire l’impatto dell’origine sociale, del genere, del luogo di residenza, dell’appartenenza etnica sulla riuscita scolastica degli studenti; assicurare a tutti il livello minimo di istruzione necessario per entrare nella vita adulta e diventare un cittadino attivo e responsabile.

Altrove, soprattutto in Germania e in Olanda, le pur importanti riforme scolastiche realizzate negli ultimi cinquanta anni non hanno mai sfociato nel superamento del modello tradizionale a canali paralleli, detti anche “selettivi” o “stratificati”.

Il dossier si propone un bilancio critico e comparato dei due diversi modelli, analizzandone anche le declinazioni nazionali di entrambi, con l’obiettivo prioritario di verificare se e quanto la promesse di maggiore equità legate al modello comprensivo e quelle di maggiore qualità legate al  modello selettivo siano state mantenute nei fatti.

Indice del Dossier

Luciano Benadusi Orazio Giancola

Saggio introduttivo: sistemi di scuola secondaria comprensivi versus selettivi. Una comparazione in termini di equità

Annabelle Krause Simone Schüller

Evidence and persistence of education inequality in an early-tracking system. The German case

Davide Azzolini Loris Vergolini

Tracking, inequality and education policy. Looking for a recipe for the Italian case

Frida Rudolphi

Educational inequalities in Sweden: Past, present and future in a comprehensive school system?

Max A. Hope

State schools in England: Why social segregation and inequality still thrives in a ‘comprehensive’ system

Lascia un commento

Devi essere collegato per inviare un commento.