Tag articolo: democrazia

Issue no. 2 – June 2011

commenti Commenti disabilitati
di scuolademocratica, 22 giugno 2011 12:16

cover n2 scuola democratica nuova serie

The issue opens with an interview with the PISA coordinator Andreas Schleicher, who talks about PISA’s challenge to national educational systems. The essays focus on a variety of themes: advantages and risks of a competence-based approach in school pedagogy; a comparative analysis of the policies for excellence in higher education; new media, participatory cultures and social networks. The debates in “Notes and Perspectives” focus on the disputes over competence at school; the statistics related to the Italian university system with particular regard to the recent “war of numbers”; and the delays in the development of life-long learning in Italy. A new section titled “Practices” includes contributions by experts in the fields of education and training, who describe and analyse some actual experiences and practices. “Reviews” presents, among other things, two studies: one on the relationship between meritocracy and equity in education, the other on the educational policies in the United Kingdom from the 1960s to present. The issue closes with “Stories”, containing narrative contributions on the topics of education and training.

TABLE OF CONTENTS

Issue no. 2 – June 2011

Starting from…

Learning by comparing. PISA’s challenge to national educational systems

Interview with Andreas Schleicher

ESSAYS

Between knowledge and competence: cooperation or conflict?

by Luisa Ribolzi

A competence-based approach: a threat to school education?

by Michele Pellerey

Excellence in higher education: policies, effects and open issues. A comparative analysis of five European countries

by Massimiliano Vaira

New media, participatory cultures and social networks. Spaces for informal, participatory and creative learning

by Mario Pireddu

NOTES AND PERSPECTIVES

School

Competence at school: a cultural dispute. Contributions by Anna Maria Ajello, Giorgio Israel, Luciano Benadusi, edited by Assunta Viteritti

School and digital technologies

by Roberto Maragliano

University

The “war of numbers”. Contributions by Andrea Cammelli, Andrea Gavosto and Stefano Molina, Giunio Luzzatto and Stefania Mangano, Marino Regini, edited by Giunio Luzzatto

Learning, Education and Employment

Lifelong learning in Italy. The case of TreeLLLe Journal. Contributions by Aviana Bulgarelli, Cristina Zucchermaglio, Francesco Florenzano, edited by Luca Salmieri and Piero Valentini

PRACTICES

The space and time of practice

edited by Paolo Landri

Mission Impossible. The vocational training of educators in an action context

by Cesare Moreno

REVIEWS

The relationship between meritocracy and equity in education: Duru-Bellat and Dubet (re)open the debate

by Orazio Giancola

More than 60 years of educational policy in the United Kingdom. The lines of debate

by Mario Dutto

Kaiser D. (2005), Pedagogy and the Practice of Science: Historical and Contemporary Perspectives

by Assunta Viteritti

Grimaldi E. (2010), Discorsi e practiche di governance della scuola. L’esperienza della Provincia di Napoli

by Giovanna Barzanò

STORIES

Letter from the student at the bottom of the class

by Mila Spicola

ZENO. Dilemmas of conscience in everyday life

Texts by Strarompi & Peter V, drawings by Peter V

Call for papers 2011

Purchase the print edition of the journal

Purchase the electronic edition of the journal

Issue no. 1 – December 2010

commenti Commenti disabilitati
di admin, 13 dicembre 2010 09:42

1

The issue opens with an interview with Alain Touraine on the need for establishing a school for the subject, and includes essays focusing on some different theoretical views of education; social and geographical inequalities in cognitive performance, as measured by Italian PISA scores; recent transformations in the Italian and European university systems; the relationship between employment and education in the knowledge society. The section “Notes and Perspectives” includes, among other things, two debates (one on school, democracy and citizenship; and the other on apprenticeship policies), an interview with the President of CRUI (Conference of Italian university rectors) on the current university reform, and some contributions on the innovations of educational and organizational environments. The issue closes with an unpublished story by Marco Lodoli, included in the section “Stories and Practices of Learning”.

TABLE OF CONTENTS

Issue no. 1 – December 2010

Introduction

Starting from…

A school for the Subject, recognition of cultural diversity, and a society of women

An interview with Alain Touraine

by Luciano Benadusi and Barbara Pentimalli

Essays

(Future?) Perspectives on education

by Paolo Landri

Faraway, so close. Educational equity in Italy

by Luciano Benadusi, Rita Fornari, Orazio Giancola

The transformation of the Italian university system

by Roberto Moscati

Employment and education in the knowledge society

by Sebastiano Bagnara and Maurizio Mesenzani

NOTES AND PERSPECTIVES

School

School, democracy and citizenship: education versus schooling?

Edited by Vittorio Campione

Contributions by Alessandro Cavalli, Adolfo Scotto di Luzio, Giuseppe Spadafora, Salvatore Veca

High school reform

by Fiorella Farinelli, Paolo Ferratini, Micaela Ricciardi

Educational environments

by Silvano Tagliagambe

Organizational environments

by Giorgio Rembado

University

A focus on higher education in Europe 2010. The impact of the Bologna Process

A general overview

by Maria Lezzi

Notes

by Letteria Fassari

An interview with Enrico Decleva about the Reform

by Luciano Benadusi and Gioia Pompili

Learning, Education and Employment

Education and training in Italy. Ready to go?

Edited by Stefania Capogna

Notes

by Tiziano Treu

Contributions by Claudio Gentili, Giorgio Santini, Michele Tiraboschi, with a comment by Sandra D’Agostino

OECD Annual Report, Learning for jobs 2009

A general overview

by Piero Valentini

Notes

by Domenico Sugamiele and Silvia Ciampi

Reviews

Biesta Gert J. J. (2006), Beyond learning: Democratic education for a human future, Boulder, Co., Paradigm Publishers

by Paolo Landri

Cavalli A., Argentin G. (eds.) (2010), Gli insegnanti italiani: come cambia il modo di fare scuola. Terza indagine dell’Istituto IARD sulle condizioni di vita e di lavoro nella scuola italiana, Bologna, Il Mulino

by Valeria Fabretti

Margarete Durst (2010), La filosofia dell’educazione per la scuola, Milano, FrancoAngeli

by Carlo Cappa

Stenstrom M.L., Tynjala P. (eds.) (2009), Towards Integration of Work and Learning, Heidelberg, Springer

by Anna Maria Ajello

Stories and Practices of Learning

The Lake

by Marco Lodoli

Call for papers 2011

Purchase the print edition of the journal

Purchase the electronic edition of the journal

Il futuro dell’educazione

commenti Commenti disabilitati
di scuolademocratica, 26 novembre 2010 20:00

Immaginare il futuro, ridisegnare la società contemporanea, proiettarsi verso il cambiamento, accettare le sfide della trasformazione sono imperativi dominanti nel discorso e nelle pratiche della modernizzazione. Si tratta di ‘verità categoriche’ che definiscono il contorno e il contenuto dei discorsi, degli studi, delle riflessioni e delle politiche dell’educazione  nel quadro del progetto illuministico e che individuano una linea di consenso, malgrado le inevitabili differenze, che a partire da Kant e da Cartesio, attraversa nel passato prossimo studiosi come Piaget, Kohlberg e finisce per includere coloro che in questa prospettiva inscrivono ancora oggi la propria azione professionale, politica e intellettuale.

Sembrano esservi, peraltro, pochi dubbi sul fatto che la società contemporanea – comunque la si voglia definire – si vada modificando per effetto di un insieme di trasformazioni economiche, politiche, tecnologiche e sociali che mettono fortemente in discussione quel progetto di cambiamento e che di conseguenza inducono a ripensare – nel senso della continuità, oppure della complessiva modifica – il ruolo che le forme dell’educazione e i sistemi educativi sono chiamati a svolgere nel quadro attuale e nel futuro immediato.  I testi che seguono rappresentano delle diagnosi e delle modalità di interpretazione del futuro dell’educazione e costituiscono un primo tentativo di ordinamento delle analisi e delle risposte che autorevoli studiosi contemporanei hanno dedicato a tale questione. I brani scelti – presentati con pochi commenti e talora con  molti interrogativi – delineano, da un lato, una visione distopica – magistralmente presentata attraverso alcuni testi di Baumann (2009) ed inclusa nel primo paragrafo di questa selezione – e, dall’altro, una visione moderatamente ottimistica – rappresentata nel secondo paragrafo da coloro che danno una lettura accentuatamente positiva delle possibilità presenti all’interno dei processi di cambiamento, come Giddens,  Castells, Stehr  e che sono gli eredi in un certo senso della visione illuministica . La selezione si conclude con  un insieme di linee di riflessioni da riprendere nei numeri successivi della rivista per un dibattito post-prometeico sul futuro dell’educazione.

scarica l’articolo completo in formato PDF

Educare per la democrazia

commenti Commenti disabilitati
di admin, 25 novembre 2010 20:00

Testi di John Dewey a cura di Maurizio Lichtner

Che cosa significa educare alla democrazia? Certamente non significa solo fare “educazione civica” come materia separata, soprattutto se per educazione civica si intende poco più che imparare quali sono le istituzioni, i loro rapporti, i meccanismi che regolano la nostra convivenza civile. Educare alla democrazia dovrebbe anche significare portare i giovani a condividere valori, modi di essere, modalità di comportamento, insieme individuali e sociali. E questo non si ottiene solo con qualche lezione di “educazione civica”, ma sviluppando la valenza educativa di tutte le materie di studio, sia umanistiche che scientifiche, e soprattutto facendo esperienze, già a scuola, di un modo di vivere  “democratico”. Perciò può essere utile ripartire dai testi di Dewey, dove la democrazia appare non  solo una forma di governo, ma una way of life, un modo di essere individuale e sociale, che richiede condivisione di valori, solidarietà, interesse allo scambio di esperienze, impegno a superare gli egoismi e le distanze tra le classi. Queste implicazioni del concetto di democrazia, che alla critica ispirata alla filosofia analitica sembravano elementi di confusione, di scarsa chiarezza concettuale, costituiscono invece proprio l’aspetto più interessante, e più attuale, del pensiero di Dewey sul rapporto educazione-democrazia.

Oggi viviamo una contraddizione forte tra le spinte individualistiche, favorite in tanti modi, e il bisogno di mantenere il legame sociale. In una società democratica questa contraddizione è insostenibile, la democrazia ha bisogno sia di sviluppo e affermazione individuale che di solidarietà e inclusione. Ma come si connettono, nell’impresa educativa, i due principi dello sviluppo individuale e della socialità? La soluzione non è facile, e la lettura dei testi di Dewey può ancora dare indicazioni preziose sul rapporto tra “poteri individuali” e loro “equivalenti sociali”.

C’è poi un altro aspetto da considerare: educare alla democrazia, oggi, non può significare conformare alla società esistente per il semplice fatto che la società in cui viviamo è una democrazia imperfetta, carente, soprattutto per quanto riguarda i comportamenti sociali, la formazione dell’opinione pubblica, la moralità pubblica e privata. Educare alla democrazia significa costruire una coscienza critica, far capire la distanza che c’è tra lo stato di cose attuale e l’ideale democratico. Anche su questo punto Dewey offre importanti contributi, sostenendo che il compito della scuola non è affatto la riproduzione dello stato di cose esistente, ma è dare ai giovani gli strumenti per interpretare le situazioni e cambiarle. L’impresa educativa, per Dewey, è la coscienza critica della società, il momento e il luogo in cui la società si interroga su se stessa.

Scarica l’articolo completo in formato PDF