Tag articolo: learning

Social Network and Community of Practice in the Re-Construction of Knowledge

di p.valentini, 19 marzo 2013 12:15

by Rosa Iaquinta

Abstract: In a high-school in Calabria (Italy) social networks have been employed as tools to help students to recover their performances improving participative learning, rebuilt knowledge,  community of learners. This experience confirmed that the network can launch an active process of knowledge, to fill up the gaps and reshape the roles of teachers and learners.

Rosa Iaquinta, Teacher in high-school, PhD in Pedagogical Sciences. Fields of interest: methodology of didactics, learning and relationship teaching/learning.
ros.laquinta@gmail.com

New Spaces for Teaching

commenti Commenti disabilitati
di p.valentini, 19 marzo 2013 11:51

by Francesco Consoli

Abstract: The institutional distinction and separation between School and Society is not sustainable anymore in the traditional way. The essays published in the section Esperienze of this number tell us of two schools that changed the spaces of learning to increase the participation of the involved subjects and improve the students learning. One school used as a lever of this change the physical spaces, the other, the virtual spaces of the network.

Francesco Consoli, Indipendent Scholar, has been for fourty years University researcher and professor in the University of Rome ‘Sapienza’, in the fields of Sociology of Organization, Sociology of Professions and Sociology of Innovation. He is in the Scientific Committee of Educational Reflective Proctice and of Formazione e Cambiamento and member of the editorial body of Scuola Democratica.
francoconsoli@gmail.com

Issue N°1 2013 – January-April 2013

commenti Commenti disabilitati
di p.valentini, 19 marzo 2013 10:08

cover sd1 2013

Scuola Democratica, Issue 7 – henceforth published by Il Mulino – guests an interview with American educationalists Robert Slavin and Nancy Madden, experts and founders of Cooperative Learning. Next come a selected bunch of essays covering various educational topics: Maurizio Lichtner on Vygotsky in educational research; Aureliana Alberici and Paolo Di Rienzo on lifelong learning and formal and informal learning; Gianluca Argentin, Marco Gui and Chiara Tamanini on researches on digital skills; Elena Gremigni re-eancting school teachers casualization in Italy. There follow two contributions from international scholars: Hans-Georg Kotthoff, tracing the development of Comparative Education in Germany; Marie Duru-Bellat, commenting on Cowen’ famous essay – Edging Closer to the Hero, the Barbarian, and the Stranger – published on SD.
‘Where do we stand in reforming school, vocational training and university’ is the key question that experts, academics and professionals such as Vittorio Campione and Antonio Cocozza, Caterina Manco, Mario Fierli, Alberto de Toni and Dario Nicoli try to answer to, also catching a glimpse of forthcoming improvements.
We also publish reflections resulting from a round table organized by SD to discuss the controversial work by Carlo Barone – Contro l’espansione dell’istruzione (e per la sua ridistribuzione). Guido Martinotti, attended that seminar, but he then passed by last Christmas. In honor of his key role in enriching educational studies in Italy, we publish his intervention at that seminar, followed by those of Roberto Moscati, Giunio Luzzatto, Daniele Checchi and Andrea Cammelli.
Miriam Iacomini, Simona Taglia and Rosa Iaquinta illustrate two important case studies, concerning blended e-learning and teachers-parents innovative relations. The Overview is devoted to data describing the demand and the labor supply of graduates. Finally, the last section reviews six topical books on education.
Scuola Democratica, with his new editing format (Il Mulino), aims to improve and progress its leading role in educational context, nationally and internationally. This will increasingly imply a growing numbers of acute authors and discerning readers. We’re confident it will happen.

TABLE OF CONTENTS

INTERVIEW
What is Cooperative Learning today? Interview with Robert Slavin and Nancy Madden,
edited by Giorgio Chiari and Piero Valentini. Introduction by Giorgio Chiari

ESSAYS
Vygotsky and The Activity Theory in Educational Research
by Maurizio Lichtner download abstract

Lifelong Learning and University. The Validation of Non-Formal and Informal Learning
by Aureliana Alberici and Paolo Di Rienzo download abstract

Developing Digital Competence in Schools. The Role of Teachers in how their Students use ICT
by Gianluca Argentin, Marco Gui and Chiara Tamanini download abstract

A Precarious Job. Becoming School Teacher in Italy
by Elena Gremigni download abstract

Between Renaissance and Oblivion. Current State and Perspectives of Comparative Education in Germany
by Hans-Georg Kotthoff download abstract

Comparative Education between Depressing Pointlessness and Restricting Instrumentalism?
by Marie Duru-Bellat download abstract

REFORMS:How far have we got?
> in School and Vocational Education and Training

Reflections on School Autonomy
by Vittorio Campione download abstract

School Autonomy, Responsibility and Development. Starting a New Perspective
by Antonio Cocozza download abstract

First Cycle. Between Innovation and Maintenance
by Caterina Manco download abstract

Ideas for a Political Agenda on Upper Secondary School
by Mario Fierli download abstract

Towards the Integration of Sciences
by Alberto F. De Toni download abstract

The VET System in Italy. A not yet Enhanced Resource
by Dario Nicoli download abstract

> Nell’Università
There seems little to be above?
by Guido Martinotti

Too Many University Degree Owners in Italy: An Endless Story
by Roberto Moscati download abstract

The Reform of 3+2 (Bologna Process): Transition Towards New Balance?
by Daniele Checchi download abstract

Graduates: it takes more, unless the country decides not to be innovative
by Giunio Luzzatto download abstract

The Tale of Too Many Graduates
by Andrea Cammelli download abstract

EXPERIENCES
New Spaces for Teaching
by Francesco Consoli download abstract

Inside, outside the School. An experience of open school.
by Miriam Iacomini and Simona Taglia download abstract

Social Network and Community of Practice in the Re-Construction of Knowledge
by Rosa Iaquinta download abstract

REWIEWS
Ravitch, D. (2011), The Death and Live of the Great American School System,Basic Books, New York
di Francesco Consoli
Wiborg, S. (2009), Education and Social Integration. Comprehensive Schooling in Europe, Palgrave Macmillan, New York
di Monica E. Mincu
Barone, C. (2012), Le trappole della meritocrazia,Il Mulino, Bologna
di Luciano Benadusi
Rostan, M. (a cura di) (2011), La professione accademica in Italia. Aspetti,problemi e confronti nel contesto europeo,LED,Milano
di Donatella Palomba

Il futuro dell’educazione

commenti Commenti disabilitati
di scuolademocratica, 26 novembre 2010 20:00

Immaginare il futuro, ridisegnare la società contemporanea, proiettarsi verso il cambiamento, accettare le sfide della trasformazione sono imperativi dominanti nel discorso e nelle pratiche della modernizzazione. Si tratta di ‘verità categoriche’ che definiscono il contorno e il contenuto dei discorsi, degli studi, delle riflessioni e delle politiche dell’educazione  nel quadro del progetto illuministico e che individuano una linea di consenso, malgrado le inevitabili differenze, che a partire da Kant e da Cartesio, attraversa nel passato prossimo studiosi come Piaget, Kohlberg e finisce per includere coloro che in questa prospettiva inscrivono ancora oggi la propria azione professionale, politica e intellettuale.

Sembrano esservi, peraltro, pochi dubbi sul fatto che la società contemporanea – comunque la si voglia definire – si vada modificando per effetto di un insieme di trasformazioni economiche, politiche, tecnologiche e sociali che mettono fortemente in discussione quel progetto di cambiamento e che di conseguenza inducono a ripensare – nel senso della continuità, oppure della complessiva modifica – il ruolo che le forme dell’educazione e i sistemi educativi sono chiamati a svolgere nel quadro attuale e nel futuro immediato.  I testi che seguono rappresentano delle diagnosi e delle modalità di interpretazione del futuro dell’educazione e costituiscono un primo tentativo di ordinamento delle analisi e delle risposte che autorevoli studiosi contemporanei hanno dedicato a tale questione. I brani scelti – presentati con pochi commenti e talora con  molti interrogativi – delineano, da un lato, una visione distopica – magistralmente presentata attraverso alcuni testi di Baumann (2009) ed inclusa nel primo paragrafo di questa selezione – e, dall’altro, una visione moderatamente ottimistica – rappresentata nel secondo paragrafo da coloro che danno una lettura accentuatamente positiva delle possibilità presenti all’interno dei processi di cambiamento, come Giddens,  Castells, Stehr  e che sono gli eredi in un certo senso della visione illuministica . La selezione si conclude con  un insieme di linee di riflessioni da riprendere nei numeri successivi della rivista per un dibattito post-prometeico sul futuro dell’educazione.

scarica l’articolo completo in formato PDF

Educare per la democrazia

commenti Commenti disabilitati
di admin, 25 novembre 2010 20:00

Testi di John Dewey a cura di Maurizio Lichtner

Che cosa significa educare alla democrazia? Certamente non significa solo fare “educazione civica” come materia separata, soprattutto se per educazione civica si intende poco più che imparare quali sono le istituzioni, i loro rapporti, i meccanismi che regolano la nostra convivenza civile. Educare alla democrazia dovrebbe anche significare portare i giovani a condividere valori, modi di essere, modalità di comportamento, insieme individuali e sociali. E questo non si ottiene solo con qualche lezione di “educazione civica”, ma sviluppando la valenza educativa di tutte le materie di studio, sia umanistiche che scientifiche, e soprattutto facendo esperienze, già a scuola, di un modo di vivere  “democratico”. Perciò può essere utile ripartire dai testi di Dewey, dove la democrazia appare non  solo una forma di governo, ma una way of life, un modo di essere individuale e sociale, che richiede condivisione di valori, solidarietà, interesse allo scambio di esperienze, impegno a superare gli egoismi e le distanze tra le classi. Queste implicazioni del concetto di democrazia, che alla critica ispirata alla filosofia analitica sembravano elementi di confusione, di scarsa chiarezza concettuale, costituiscono invece proprio l’aspetto più interessante, e più attuale, del pensiero di Dewey sul rapporto educazione-democrazia.

Oggi viviamo una contraddizione forte tra le spinte individualistiche, favorite in tanti modi, e il bisogno di mantenere il legame sociale. In una società democratica questa contraddizione è insostenibile, la democrazia ha bisogno sia di sviluppo e affermazione individuale che di solidarietà e inclusione. Ma come si connettono, nell’impresa educativa, i due principi dello sviluppo individuale e della socialità? La soluzione non è facile, e la lettura dei testi di Dewey può ancora dare indicazioni preziose sul rapporto tra “poteri individuali” e loro “equivalenti sociali”.

C’è poi un altro aspetto da considerare: educare alla democrazia, oggi, non può significare conformare alla società esistente per il semplice fatto che la società in cui viviamo è una democrazia imperfetta, carente, soprattutto per quanto riguarda i comportamenti sociali, la formazione dell’opinione pubblica, la moralità pubblica e privata. Educare alla democrazia significa costruire una coscienza critica, far capire la distanza che c’è tra lo stato di cose attuale e l’ideale democratico. Anche su questo punto Dewey offre importanti contributi, sostenendo che il compito della scuola non è affatto la riproduzione dello stato di cose esistente, ma è dare ai giovani gli strumenti per interpretare le situazioni e cambiarle. L’impresa educativa, per Dewey, è la coscienza critica della società, il momento e il luogo in cui la società si interroga su se stessa.

Scarica l’articolo completo in formato PDF