Tag articolo: valutazione

N°2 2013 – maggio-agosto 2013, Il Mulino Editore

di scuolademocratica, 6 novembre 2013 14:42

cover sd 2 2013 nuova serie maggio agosto special issue

ISBN: 978-88-15-24407-9 Annata: IV

Questo volume è il primo di una serie di tre numeri speciali dedicati al tema della Conoscenza, apprendimento, educazione ai tempi della crisi. In particolare questo Special Issue affronta il tema Education, Occupazione e crescita e copre  un’estrema  varietà  di  temi,  che vanno dalle forme organizzative della fornitura di istruzione, alle scelte individuali di accesso, che sono strettamente interconnesse  agli  esiti  individuali  sul  mercato  del  lavoro.   ( continua a leggere l’introduzione )

CLICCA QUI PER COMPRARE L’INTERO NUMERO O I SINGOLI ARTICOLI

Indice SD
N°2 2013 – maggio-agosto 2013
Special Issue: EDUCATION, OCCUPAZIONE E CRESCITA

Introduzione (scarica)

di Daniele Checchi

Daniele Checchi,Dipartimento di economia, management e metodi quantitativi, Università degli studi di Milano

SAGGI
Proseguire gli studi conviene ancora?
di Emilio Reyneri e Federica Pintaldi (scarica abstract)
Emilio Reyneri, Dipartimento di sociologia e ricerca sociale, Università di Milano Bicocca; Federica Pintaldi, ISTAT

Le immatricolazioni nell’università italiana: evidenze recenti e spunti di riflessione
di Vincenzo Mariani, Pasquale Montanaro e Marco Paccagnella (scarica abstract)
Vincenzo Mariani, Banca d’Italia, sede di Bari; Pasqualino Montanaro, Banca d’Italia, sede di Ancona; Marco Paccagnella, Banca d’Italia, filiale di Trento

L’overeducation in Italia: le determinanti e gli effetti salariali nei dati AlmaLaurea
di Floro Ernesto Caroleo e Francesco Pastore (scarica abstract)
Floro Ernesto Caroleo, Università di Napoli Parthenope ; Francesco Pastore, Seconda Università di Napoli

Istruzione e qualità dell’occupazione in Sicilia. Sprechi di capitale umano fra vincoli strutturali e irresponsabilità pubbliche
di Maurizio Avola e Anna Cortese (scarica abstract)
Maurizio Avola, Dipartimento di analisi dei processi politici, sociali e istituzionali, Università di Catania ; Anna Cortese, Dipartimento di analisi dei processi politici, sociali e istituzionali, Università di Catania

Fachhochschulen: lo stato della questione oggi
di Fiammetta Corradi (scarica abstract)
Fiammetta Corradi, Dipartimento di scienze economiche e aziendali, Università di Pavia

SCENARI INTERNAZIONALI

Uno sguardo oltre il 2015: in vista dei nuovi obiettivi del Millennium per l’istruzione
di Piero Cipollone (scarica abstract)
Piero Cipollone, Banca Mondiale

Politiche europee e re-thinking education. Intervista ad Androulla Vassiliou
di Giorgio Allulli scarica
Giorgio Allulli, esperto di formazione ;
Androulla Vassiliou,  Commissario europeo per l’istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù nella Commissione Barroso II, dal 2010

Virtù e limiti del sistema duale tedesco. Intervista a Hans-Peter Blossfeld
di Daniele Checchi   scarica

Daniele Checchi, Dipartimento di economia, management e metodi quantitativi, Università degli studi di Milano;
Hans-Peter Blossfeld, Istituto Universitario Europeo di Firenze

EDUCATION, INNOVAZIONE E SVILUPPO LOCALE

Introduzione
di Ennio Pattarin (scarica abstract)
Ennio Pattarin, professore di sociologia economica

Integrare filiere formative e filiere produttive per lo sviluppo del paese
di Claudio Gentili (scarica abstract)
Claudio Gentili, Confindustria, Politiche territoriali, innovazione e education

Le relazioni tra università e imprese in Piemonte. I canali e le motivazioni del trasferimento tecnologico regionale
di Federica Rossi e Aldo Geuna (scarica abstract)

Federica Rossi, Department of management, Birkbeck, University of London;  Aldo Geuna, Dipartimento di economia e statistica Cognetti de Martiis, Università di Torino

Università e sviluppo nella Terza Italia: il caso della Toscana
di Luigi Burroni e Alberto Gherardini (scarica abstract)

Luigi Burroni, Dipartimento di scienze della comunicazione, Università di Teramo; Alberto Gherardini, Dipartimento di scienze politiche e sociali, Università di Firenze

Scuola e sviluppo nella Terza Italia: il caso delle Marche
di Marco Arlotti (scarica abstract)

Marco Arlotti,Dipartimento di economia, società, politica, Università degli studi di Urbino Carlo Bo

DIBATTITO: SCUOLA, CONCORRENZA, REGOLAZIONE

Autonomia scolastica in un sistema pubblico: un cerchio che si può quadrare
di Andrea Ichino (scarica abstract)

Andrea Ichino, Dipartimento di scienze economiche, Università di Bologna

Opting out: un contributo alla soluzione, non certo la soluzione
di Paolo Sestito (scarica abstract)

Paolo Sestito, Banca d’Italia

Più autonomia ma senza segregazione
di Andrea Gavosto (scarica abstract)

Andrea Gavosto, Fondazione Giovanni Agnelli

Usi (e abusi) dell’autonomia scolastica
di Daniele Checchi (scarica abstract)

Daniele Checchi, Dipartimento di economia, management e metodi quantitativi, Università degli studi di Milano

L’UNIVERSITÀ TRA RIFORME E VALUTAZIONE

«Quando è troppo è troppo». Necessità e sovrabbondanze nell’università italiana in crisi
di Francesco Miele (scarica abstract)

Francesco Miele, Dipartimento di sociologia e ricerca sociale, Università di Trento

La società che non sa rischiare

di Giovanni Ragone (scarica abstract)

Giovanni Ragone, Dipartimento di storia dell’arte e spettacolo, Sapienza Università di Roma

Equità sociale dell’università e competitività della nostra economia. L’espansione delle lauree è veramente utile? Come investire meglio le risorse pubbliche
di Carlo Barone (scarica abstract)

Carlo Barone, Dipartimento di sociologia e ricerca sociale, Università degli studi di Trento

OSSERVATORIO INTERNAZIONALE SULL’EDUCATION

Sviluppi recenti della valutazione dell’istruzione superiore in Europa

di Massimiliano Vaira (scarica articolo)

Massimiliano Vaira, Università di Pavia

RECENSIONI

Ball, S.J., Maguire, M., Goodson,I.F. (eds) (2012), Education, Capitalism and the Global Crisis, London/New York, Routledge
di Emiliano Grimaldi
Turri, M. (2011), L’università in transizione. Governance, struttura economica e valutazione, Milano, Guerini e Associati
di Gioia Pompili
AA.VV. (2012), Tra scuola e lavoro.Come aiutare i diplomati tecnici e professionali a trovare lavoro, in Studi e documenti degli annali della pubblica Istruzione, 139, Firenze, Le Monnier
di Giorgio Allulli
Grimaldi E., Romano T. e Serpieri, R.(2011), I discorsi della dispersione. Una politica di partenariato, Napoli, Liguori
di Maurizio Merico
Lauria, F. (2011), Le 150 ore per il diritto allo studio. Analisi, memorie, echi di una straordinaria esperienza sindacale, Roma, Edizioni Lavoro
di Luca Salmieri

OSSERVATORIO INTERNAZIONALE SULL’EDUCATION
Questa sezione non è contenuta nel numero in libreria ma è accessibile gratuitamente e per intero on line dal nostro sito ( vai alla sezione on line )

di Massimiliano Vaira
di Barbara M. Kehm
di Thierry Chevaillier
di John Brennan and Laura Bellingham
di Javier Vidal & Camino Ferreira
di Alfredo Squarzoni

LA VALUTAZIONE DELL’ UNIVERSITA’ IN UNA PROSPETTIVA DI COMPARAZIONE EUROPEA

di scuolademocratica, 24 maggio 2013 17:02

a cura di Massimiliano Vaira

Il tema del primo numero dell’Osservatorio Internazionale è la valutazione dell’università, tema di attualità in tutti i paesi europei e di cui oggi, a seguito dell’avvio delle attività dell’ANVUR, si discute molto anche in Italia. Massimiliano Vaira, che ha curato questo primo dossier, presenta una sintesi dei cinque working papers che sono consultabili sia qui, sul nostro sito web, che in quello della Fondazione   Giovanni   Agnelli. I cinque contributi sono dedicati all’illustrazione e alla lettura critica di casi nazionali (Regno Unito, Germania, Francia e Spagna) e ad una rassegna degli indirizzi   assunti   dall’Agenzia Europea preposta all’assicurazione della qualità (ENQA) riguardo alla valutazione della didattica universitaria e all’accreditamento dei corsi di studio, con diversi riferimenti alle iniziative in materia che l’ANVUR va intraprendendo in Italia.
Indice del Dossier
di Massimiliano Vaira
di Barbara M. Kehm
di Thierry Chevaillier
di John Brennan and Laura Bellingham
di Javier Vidal & Camino Ferreira
di Alfredo Squarzoni

OSSERVATORIO INTERNAZIONALE

di scuolademocratica, 24 maggio 2013 16:56

L’Osservatorio Internazionale nasce dalla collaborazione tra Scuola Democratica e la Fondazione Giovanni Agnelli ed ha lo scopo di realizzare in ciascun numero una riflessione comparativa che prenda in esame la situazione dei diversi paesi rispetto ai più attuali temi dell’Education.

Sono previsti tre dossier ogni anno, ed ognuno di questi si focalizzerà su un tema critico dell’education contemporanea in Italia e a livello internazionale. I contributi contenuti in ciascun dossier saranno pubblicati prima sui siti delle due istituzioni e successivamente sulla rivista.

Indice dei Dossier pubblicati

> Dossier N°1-2013  :

LA VALUTAZIONE DELL’ UNIVERSITA’ IN UNA PROSPETTIVA DI COMPARAZIONE EUROPEA

a cura di Massimiliano Vaira

> Dossier N°2-2013 :

DIVENTARE INSEGNANTI IN EUROPA. UNA COMPARAZIONE TRA QUATTRO PAESI

a cura di Gianluca Argentin e Orazio Giancola

> Dossier N°1 -2014

SISTEMI DI SCUOLA SECONDARIA COMPRENSIVI versus SELETTIVI. UNA COMPARAZIONE IN TERMINI DI EQUITA’

a cura di Luciano Benadusi e Orazio Giancola

Autonomia scolastica, responsabilità e sviluppo: rilanciare una nuova prospettiva

di scuolademocratica, 18 marzo 2013 22:32

di Antonio Cocozza

Abstract: A partire dai dati critici relativi all’implementazione dell’autonomia nell’ordinamento scolastico italiano, nel nuovo contesto istituzionale, l’articolo si propone di rilanciare il ruolo strategico e l’alto valore sociale e civile della scuola, che dovrebbe essere finalizzato al raggiungimento di cinque diversi obiettivi strategici: promuovere l’autonomia didattica volta a offrire percorsi educativi personalizzati; incrementare la responsabilità delle scuole; attivare l’autonomia organizzativa e gestionale; investire nell’autonomia di ricerca e sviluppo; sviluppare una positiva interazione con la vocazione socio-economica e culturale della comunità locale, in una logica di integrazione sinergica tra scuola, università, mondo della ricerca scientifica-tecnologica e sistema istituzionale e produttivo.

Antonio Cocozza, professore di Sociologia del lavoro e delle organizzazioni, direttore del Master in ‘Processi organizzativi e direttivi nella scuola dell’autonomia’ e coordinatore della Commissione Ricerche e Laboratori del Dipartimento di Scienze dell’Educazione all’Università degli studi Roma Tre. Coordinatore dell’Osservatorio sulla scuola dell’autonomia e Docente di Comunicazione d’impresa e gestione delle risorse umane alla LUISS Guido Carli.
acocozza@uniroma3.it

Tra fotografia dei risultati e controllo delle procedure: come assicurare la qualità dell’istruzione e formazione professionale?

di scuolademocratica, 25 ottobre 2012 00:34

di Giorgio Allulli

Abstract : L’articolo propone che alla Raccomandazione europea, che richiede di assicurare la qualità delle strutture scolastiche e formative, si risponda attraverso un nuovo modello, che integri le caratteristiche positive dei due approcci tradizionalmente adottati, quello input-output e quello fondato sui processi.

Giorgio Allulli, dirigente di ricerca dell’isfol, coordinatore del Reference Point Italiano sulla garanzia di qualità dell’istruzione e formazione professionale e membro dello Steering group della Rete europea sulla qualità ifp. Ha diretto il settore istruzione del censis e il segretariato della Conferenza dei Rettori. I suoi interessi si concentrano sull’analisi delle politiche educative e sulla valutazione del sistema d’istruzione e formazione.
g.allulli@isfol.it

Premiare i migliori insegnanti migliora la scuola?

di scuolademocratica, 25 ottobre 2012 00:08

di Giorgio Ragazzini

Abstract: Premiare i migliori insegnanti non migliora la qualità media e può anzi creare tensioni e insoddisfazione fra i colleghi. Molto meglio sforzarsi di garantire che tutti i docenti siano almeno sufficienti sia per capacità che per correttezza professionale. A questo scopo bisogna anche poter provvedere subito nei casi di palese inadeguatezza. Meglio investire le scarse risorse a disposizione per affidare a docenti selezionati i nuovi ruoli indispensabili al governo delle scuole.

Giorgio Ragazzini, docente di Lettere nella scuola media. Come responsabile dell’aggiornamento, ha progettando e organizzato seminari, corsi e convegni, con una particolare attenzione alla relazione educativa. Ha coordinato la stesura di un codice dei principi etici per la Gilda degli Insegnanti. Fa parte del «Gruppo di Firenze per la scuola del merito e della responsabilità» di cui cura anche il blog.
giorgio.ragazzini@libero.it

Prove di comprensione

di scuolademocratica, 24 ottobre 2012 23:48

di Pietro Lucisano


Abstract: L’articolo riflette sulla complessità delle misurazioni della comprensione e sui rischi di eccesso di riduzionismo degli attuali approcci alla ricerca. In particolare si denuncia come l’approccio tecnocratico basato su parametri di efficienza, standardizzazione e assieme risparmio e fretta, pur accumulando grandi quantità di dati, non consenta di comprendere la reale natura dei fenomeni osservati.

Pietro Lucisano, presidente del Corso di laurea Magistrale in Scienze dell’educazione e della formazione della facoltà di filosofia della Sapienza, Università di Roma e coordinatore del dottorato di ricerca in pedagogia sperimentale. Si è occupato di valutazione dell’efficacia dei sistemi formativi, dispersione scolastica ed economia dell’istruzione. Attualmente è direttore scientifico, per la Sapienza, di SOUL (Sistema Orientamento Università Lavoro) progetto di placement e gestione dei tirocini dalle Università statali di Roma e vicepresidente di SIRD (Società Italiana di Ricerca Didattica).

pietro.lucisano@uniroma1.it

Esperienze di valutazione dei dirigenti scolastici

di scuolademocratica, 24 ottobre 2012 23:43

di Annamaria Ajello

Abstract: Il paper discute di valutazione relativamente ai seguenti temi: assessment, accountability, negoziazione. Inoltre descrive l’applicazione di una procedura sperimentale di valutazione dei dirigenti  in una scuola della Provincia Autonoma of Trento.

Anna Maria Ajello, professore ordinario di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione (Facoltà di Medicina e Psicologia Sapienza Università di Roma). Studia i problemi dell’acquisizione di conoscenza in contesti educativi/formativi. Ha svolto ricerche sulla competenza professionale, sulla dispersione scolastica e sulle modalità di valutazione degli studenti e degli adulti (dirigenti e insegnanti) a scuola.
annamaria.ajello@uniroma1.it

La lezione americana: l’impiego del Valore Aggiunto nella valutazione di scuole e insegnanti

di scuolademocratica, 24 ottobre 2012 23:38

di Cristiano Corsini

Abstract : In Italia sta guadagnando terreno l’ipotesi di utilizzare l’indicatore di Valore Aggiunto con finalità di accountability educativa.  Il MIUR già dal 2008 ha dato mandato all’INVALSI di rilevare, attraverso la somministrazione di test standardizzati, il Valore Aggiunto che ciascuna scuola fornisce in termini di accrescimento dei livelli di apprendimento degli alunni. Allo scopo di mettere in evidenza non solo le potenzialità ma anche le criticità e le possibili conseguenze negative legate all’uso dell’indicatore, il presente contributo dà conto del dibattito statunitense sul Valore Aggiunto. Tale dibattito, a differenza di quello in atto in Italia, ha il merito di non eludere  la questione fondamentale, relativa alla  validità del Valore Aggiunto come indicatore di efficacia scolastica.

Cristiano Corsini, dottore di ricerca in Pedagogia sperimentale e assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Progettazione Educativa e Didattica dell’Università Roma tre. Si occupa di ricerca sull’efficacia e sull’equità dei sistemi scolastici, con particolare riferimento alla misurazione del valore aggiunto di scuole e insegnanti e all’incidenza delle variabili di contesto e di processo sul rendimento degli studenti. Inoltre collabora con diversi Istituti impegnati in percorsi di autovalutazione.

cristiano.corsini@uniroma1.it

Assicurare la qualità della formazione: perché, per chi, come

di scuolademocratica, 16 giugno 2012 11:25

di Muzio M. Gola

Abstract: La Qualità della formazione richiede di essere focalizzata su temi essenziali quali le funzioni del laureato in un contesto di lavoro, i conseguenti obiettivi di apprendimento da prevedere nella formazione, i risultati di apprendimento da accertare, le risorse e i metodi che consentono di raggiungerli. Le agenzie europee più attive e innovative tracciano chiaramente  la strada in questa direzione. Occorre superare il concetto, imperante nel recente passato, di Qualità e valutazione come forma di puro managerialismo. La qualità deve tradursi in processi sostenibili basati su un Modello Informativo continuamente mantenuto su rete informatica sia per scopi di valutazione sia per la comunicazione pubblica in senso lato.

Muzio M. Gola, ingegnere meccanico, ordinario di Costruzione di Macchine al Politecnico di Torino. Specialista di analisi delle strutture, progettazione meccanica, dinamica delle macchine. Capo de laboratorio AERMEC (aeromeccanica) presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale dove si conducono ricerche nel campo della meccanica delle turbomacchine. Specialista nella Assicurazione della Qualità, dell’accreditamento e della valutazione. Membro di alcuni Nuclei di valutazione, consulente ANVUR, valutatore per agenzie europee.

muzio.gola@polito.it